Non scrivo più
per abitudine al tuo silenzio
che qualche cellula morta
ha reso di pietra

ma non è tutto finito
il cielo cambia ad ogni stagione
e l’eco di un televisore acceso
rimette a posto tutti sui divani

io, composta come per una preghiera
cerco la luna, una stella
tra le fessure della persiana chiusa
mentre difendo i giorni dal domani.

A.F.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...